Autore :

Chi sono gli influencer e qual è il loro ruolo

Il termine influencer è uno di quelli che, nel corso degli ultimi anni, ha assistito ad una progressiva diffusione divenendo praticamente di uso comune. Ma in effetti cosa sta a significare e soprattutto qual è il ruolo di questi personaggi?
Cerchiamo di scoprire qualcosa in più con un viaggio all’interno di una delle “professioni” del momento.

Cosa fa l’influencer

Una delle prime cose che ci si chiede riguardo gli influencer è in che modo essi traggano guadagno dalla loro attività e più in generale quale sia effettivamente questa attività.

In generale si tratta di persone che, avendo un grande seguito, sono letteralmente in grado di “influenzare” grandi masse sponsorizzando prodotti o servizi di vario genere.
Questo naturalmente avviene tramite i social e i canali di informazione (Facebook, Instagram, YouTube ecc.) piattaforme nelle quali si concentra una grande quantità di persone.

In poche parole le aziende decidono di sfruttare quello che è l’immenso potenziale di un “pubblico fedele” facendo sponsorizzare i propri prodotti in cambio di un lauto compenso che va direttamente nelle tasche dell’influencer in questione.
Alla base di tutto c’è naturalmente la pubblicità e la capacità di tali persone di arrivare ad un pubblico molto vasto.

Alle aziende conviene?

Dopo aver analizzato e chiarito quello che è il ruolo dell’influencer è lecito chiedersi se alle aziende effettivamente convenga sfruttare questi canali.

I vantaggi per loro sono numerosi e non riguardano esclusivamente il lato economico.
Di sicuro, volendo analizzare i numeri, una campagna pubblicitaria tradizionale che sfrutti canali come ad esempio la televisione costa molto di più rispetto al marketing sui social. Tuttavia i vantaggi sono da considerare anche in virtù della qualità di tale sponsorizzazione.

Gli influencer in effetti hanno un contatto reale e diretto con i propri followers e, cosa ancor più importante, le campagne sono sempre targhettizzate ad un pubblico quasi sicuramente interessato.
Un’azienda che vende prodotti relativi la palestra ed il body building, ad esempio, sfrutterà sicuramente una pagina o un personaggio che si occupa proprio di questo argomento e che, pertanto, ha migliaia e migliaia di followers interessati a questa tematica.
Una strategia che può rivelarsi realmente vincente se la si sfrutta nella giusta maniera.

Influencer e numeri: quanto guadagnano?

Ma quanto guadagnano concretamente gli influencer? Questo è un quesito sul quale tutti almeno una volta ci siamo interrogati. La risposta naturalmente non è univoca e dipende da tanti fattori differenti che riguardano la piattaforma utilizzata e il tipo di prodotto sponsorizzato.
In ogni caso è possibile fare una media andando a toccare quelli che sono i canali principali sfruttati da questi personaggi.

YouTube è senza dubbio uno dei canali principali in quanto sfrutta tutto il potenziale dei video. Qui i guadagni non si basano solo sui prodotti sponsorizzati ma anche sulla quantità di visualizzazioni che un determinato video riceve.

Si parla comunque di guadagni medi che si aggirano intorno ai €10.000/€12.000 per 300.000 visualizzazioni in su fino anche a cifre molto più alte si entra nel giro dei milioni di visualizzazioni.
Per Instagram e Facebook il discorso è un tantino differente ed è basato più che altro sul numero di followers con guadagni che toccano anche i €50.000/€100.000 se si parla di milioni di persone.

Easy Social Job | Il lancio del primo vero worknet curato da ESJ Factory

Siamo orgogliosi di presentarvi un progetto di cui siamo molto fieri.

Abbiamo curato il progetto di lancio di Easy Social Job, worknet digitale per lo sviluppo di idee di business in vere e proprie startup.

Il progetto

Abbiamo creato il piano di comunicazione per il lancio di Easy Social Job identificandone obiettivi, canali di comunicazione e messaggi ideali per il target individuato.

La piattaforma si rivolge a diversi target specifici:

  • Menti creative e giovani startupper
  • Professionisti appartamenti a settori diversi
  • Aziende che desiderano diversificare il proprio business
  • Fondi di investimento e venture capital alla ricerca di progetti interessanti su cui investire

Abbiamo individuato i canali di comunicazione attraverso cui veicolare messaggi specifici per ciascuno dei target di riferimento e per ciascuno di essi abbiamo creato visual dedicati e copy efficaci.

Nello specifico le attività implementate fanno riferimento a:

  • Studio della creatività e analisi dei colori ideali per facilitare la web usability di un portale articolato e complesso
  • Analisi dei competitor e individuazione del posizionamento di mercato
  • User experience della piattaforma per migliorare il flusso di navigazione degli utenti all’interno del worknet
  • Social media marketing per tutti i canali digitali del progetto
  • Gestione e promozione dell’evento Facebook Live per il lancio della piattaforma
  • Ufficio stampa verso le principali testate ed emittenti radio nazionali
  • Sviluppo dei contenuti visuali, creativi e testuali per tutti i canali di comunicazione gestiti

Per rendere ancora più efficace e distintivo il progetto di comunicazione abbiamo coniato un nuovo termine identificativo dell’innovativa categoria di servizio introdotta per gli utenti grazie alla piattaforma.

Dopo numerosi brainstorming, ore di ricerche e approfondite analisi è nato il termine worknet che definisce in modo univoco ed esaustivo il progetto Easy Social Job.

 

Cos’è un worknet

Un worknet è uno spazio digitale che offre, all’interno di un’unica piattaforma, la possibilità di cercare e contattare le persone giuste utili alla crescita di un’idea di business. All’interno di Easy Social Job si incontrano giovani professionisti, laureandi, Aziende, Università, Fondi di Investimento e Venture Capital con l’obiettivo di avviare collaborazioni per la creazione di nuove idee in rete in modo efficace, snello e non certo tradizionale.

È l’ecosistema delle start up dove non esistono barriere creative, professionali e finanziarie, ma esistono solo opportunità su tutto il territorio nazionale da cogliere sulla piattaforma.

Menti creative con l’istinto per il business e tecnici brillanti alla ricerca di una sfida, da oggi possono incontrarsi in rete per creare nuove sinergie e completarsi nella riuscita di una grande idea.

Come è possibile avviare una startup

È la domanda più ricorrente tra i giovani creativi che desiderano dare forma al proprio progetto. Easy Social Job è la piattaforma digitale che permette lo sviluppo di un’idea dalla sua nascita fino al suo lancio sul mercato.

Passare dall’idea all’azienda è un percorso che richiede passaggi complessi e difficili da affrontare partendo da zero, con poca esperienza e senza i contatti giusti.

Con Easy Social Job si può creare una startup da zero, step by step: condividere un’idea di business unica e innovativa; organizzare il tempo e gli obiettivi; ricercare le professionalità nel network per creare il team vincente; sviluppare l’idea; creare “ad hoc” il Business plan per il progetto, con il modello codificato e valutare la fattibilità economica, patrimoniale e finanziaria dell’idea; utilizzare il Cloud a disposizione del team per condividere velocemente documenti ovunque tu sia; incontrare la finanza per sviluppare e lanciare la startup sul mercato; scegliere il finanziamento pubblico ad hoc per il settore di riferimento.

 

Com’è nato Easy Social Job

Easy Social Job è un progetto interamente made in Italy.

Il progetto è stato ideato da un professionista della consulenza finanziaria, Matteo Ambrosio. L’intento è quello di fornire uno strumento innovativo e distintivo in grado di trasformare idee creative e innovative in nuove startup.

Easy Social Job è la risposta alle tante problematiche dei giovani “startupper” che non riescono a realizzare la propria idea di business.

L’obiettivo è ambizioso: promuovere l’imprenditoria giovane e non, per sostenere la nascita e la crescita di startup e diffondere la cultura imprenditoriale al fine di favorire lo sviluppo economico e facilitare l’incontro tra aspiranti imprenditori e possibili investitori.

Molto più di un social network: Easy Social Job è il primo vero worknet che ti permette di passare dall’idea di business alla startup in modo semplice.

Visita www.easysocialjob.it e vivi l’esperienza del primo vero worknet!

 

 

La psicologia dei colori nel marketing

Ma davvero i colori influenzano le nostre azioni sul web? E in che modo?

 

Uno degli aspetti più interessanti nel marketing e allo stesso tempo controversi  è la psicologia dei colori e la loro relazione con la persuasione.
Abitualmente, e senza farci caso, veniamo attirati e ammaliati da siti web, loghi che presentano grafiche  accattivanti, con colori più o meno accesi, che ci portano alla fase di acquisto di un prodotto o ci inducono a compiere una determinata azione.

Vi siete mai chiesti il perché?

La scienza ci insegna che il colore non è altro che un’elaborazione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina inviano al cervello. La percezione visiva è quindi creata a tutti gli effetti dal nostro cervello e come tale è capace di provocare risposte emotive ed atteggiamenti psicologici diversi.

Sin dagli albori studiosi, artisti, psicologi si sono dedicati allo studio dell’influenza dei colori sull’uomo.

Giusto per citarne qualcuno, Vasilij Kandiskij pittore russo, nelle sue opere espone le sue teorie sull’uso del colore intravedendo un nesso tra l’opera d’arte e la dimensione spirituale, affermando che l’anima e l’arte si influenzano a vicenda.

 

Alcuni Cerchi” dipinto olio su tela (140,3×140,7) – Vasilij Kandinskij

Il colore può avere due possibili effetti sullo spettatore: un “effetto fisico”, superficiale e basato su sensazioni momentanee, determinato dalla registrazione da parte della retina di un colore piuttosto che di un altro; un “effetto psichico” dovuto alla vibrazione spirituale attraverso cui il colore raggiunge l’anima.

 

Cosa sostiene la psicologia del colore?

Il colore è una sensazione che viene recepita dal cervello e che ha effetti sul nostro organismo e soprattutto sul nostro atteggiamento psicologico.

La nostra tavolozza cromatica personale dipende dal modo in cui percepiamo i colori esterni e da quali concetti emozionali gli associamo inconsciamente, sia sulla base del nostro vissuto personale, sia sulla base del contesto culturale in cui viviamo che ci influenza più o meno direttamente.

 

I poteri dei colori nel marketing.

Appurato che le emozioni giocano un ruolo fondamentale nella comunicazione,  la scelta del colore è importante in quanto è in grado di influire sull’attrazione dell’utente verso il nostro sito che a sua volta lo induce a compiere una determinata azione.

In fase di progettazione di un sito web è indiscussa la possibilità di indirizzare, attraverso l’uso di elementi visivi, la volontà di comportamento, azione o acquisto, del cliente verso un certo prodotto o altro.

Un’alta percentuale di consumatori dichiara che il colore, che cattura la loro attenzione,  è l’elemento principale che veicola il primo acquisto.

 

Qual è il colore adatto per il nostro sito web?

In fase di progettazione del sito web e del web design la scelta dei colori da utilizzare diventa una fase delicata, perché nell’80% dei casi il colore sarà il primo elemento che catturerà l’attenzione dell’utente e  trasmetterà l’identità del brand.

La relazione reale fra l’uso di colori e la percezione dei clienti sulla personalità del brand esiste.  Ma è importante che i colori scelti rispecchino e supportino la personalità del brand.

A tal proposito una lettura molto interessante e di spunto, per professionisti e non, è “ Neuromarketing e scienze cognitive per vendere di più sul web” di Andrea Saletti, incentrato sulla psicologia, stimoli sensoriali,  meccanismi cognitivi e processi decisionali che influiscono notevolmente nella comunicazione e nel marketing. Insomma un libro sulla comunicazione, ma non nel senso convenzionale del termine.

È proprio in merito alla scelta del colore per il sito web che l’autore elenca  le caratteristiche principali dei singoli colori e i consigli in chiave comunicativa.

Giusto per elencarne qualcuno:

 

Rosso

E’ un colore eccitante e stimolante. Evoca sentimenti di passione, potenza, in alcuni casi rabbia. Utilizzato come sfondo di messaggi di avviso e pericolo, ma può anche suggerire forza, determinazione, audacia.

Tonalità di rosso più calde come il color mattone o l’amaranto sono profondi e confortanti, ottimi se utilizzati in contesti di design che vogliono esprimere qualità come stabilità, compattezza, solidità di struttura.

Arancione

L’arancione è un colore più equilibrato ma allo stesso tempo accogliente e invitante, ideale per i design che necessitano di movimento e vivacità. Colore ideale se con il tuo sito vuoi trasmettere una percezione di creatività.

Giallo

Il giallo è il colore più vitale in assoluto. È il colore, allegro, luminoso, intenso.  Risulta perfetto per i siti web progettati per i bambini perché in grado di calamitare la loro attenzione ed eccitare i loro sensi.

A seconda delle tonalità, però può evocare associazioni emotive più complesse. La carta invecchiata  o le pergamene sono ingiallite dal tempo, per questo le versioni più opache risultano ottime se utilizzate in siti web che vogliono comunicare autorità, arte, saggezza e intelligenza.

Blu

Il blu è la rappresentazione in termini di colore dei concetti di etica, affidabilità e sicurezza. È il colore del cielo, dell’infinito, oltre a trasmettere sensazioni di calma e pace ha un legame diretto con il pensiero spirituale. La maggior parte dei siti aziendali e di business utilizzano il blu scuro per richiamare alla memoria la loro esperienza, il loro successo, la loro affidabilità. Gli azzurri sono perfetti per progetti in cui enfatizzare il rapporto informale e di amicizia con l’utente, non a caso molti social media ne fanno uso.

 

E il tuo sito di che colore è… ?

Se stai pensando di realizzare il tuo sito web non sottovalutare questo aspetto, perché i colori  possono influenzare lo stato d’animo e la percezione del tuo sito da parte degli utenti che lo visitano.

 

Fonti: “Neuromarketing e scienze cognitive per vendere di più sul web” A.Saletti.

CALICE WINE EVENTS

Il format “open wine” va online con il nuovo sito web.

#fillthecalice

 

CALICE WINE EVENTS, il format open wine ideato da un gruppo di giovani crotonesi, inaugura l’estate 2017 con una grande novità: il lancio del nuovo sito web.

Ragazzi giovani, intraprendenti e determinati hanno dato il via agli eventi che promuovono la buona musica e la cultura del vino tra i giovani a Crotone e non solo.

Il team di ESJ Factory ha accettato un’altra sfida: raccontare la loro storia e il loro format attraverso la progettazione e lo sviluppo del sito web.

 

sito-web-responsive

 

Dallo stile semplice ed elegante il sito web è stato pensato come uno strumento facile da consultare e navigare da tutti i dispositivi desktop e mobile. Il sito si colora di “rosso rubino“, intenso e armonico, proprio come un buon calice di vino.

 

Inoltre il nostro team si è occupato della progettazione e realizzazione grafica degli inviti creando un’immagine fresca, elegante ed estiva.

calice-wine-events

 

Non vi resta altro che visitare il sito www.calicewinevents.it e prendere parte al prossimo evento di CALICE WINE EVENTS.

E se il nostro lavoro vi piace… condividetelo!

NOVE ZERO DUE | Restaurant, Lounge Bar & Beach Resort

Il nuovo sito web online.

 

CALDO più ESTATE = VACANZE!

E qual è il modo migliore per decidere dove andare, quale spiaggia visitare e dove gustare piatti semplici e delicati?

 Aprire Internet e visitare i siti web che Google ci suggerisce!

 E a tal proposito anche il NOVE ZERO DUE | Restaurant, Lounge Bar & Beach Resort, la struttura che sorge sulla costa Ionica a Crotone, ha deciso di affidarsi alla nostra web agency ESJ Factory per realizzare il nuovo sito web capace di fornire all’utente un’esperienza di navigazione di valore.

sito-nove-zero-due

 

Elegante e raffinato, dall’architettura semplice e intuitiva.

La navigabilità tra i contenuti  è chiara e facilmente consultabile e consente all’utente di  esplorare tutti i servizi offerti.

La grafica essenziale è stata pensata per mettere in risalto la bellezza della struttura e della suggestiva location con l’utilizzo di immagini che evocano la ricchezza paesaggistica del luogo.

Inoltre è un sito web responsive in grado di adattarsi automaticamente alle dimensioni di ogni dispositivo desktop e mobile.

Possiede tutti i fattori che caratterizzano un sito web di ottimo livello:

  • Comunicazione efficace;
  • Usabilità web,
  • Codice corretto;
  • Grafica responsive.

 

Non vi resta altro che programmare le vostre vacanze e far visita al NOVE ZERO DUE.

www.novezerodue.it

 

P.s. E per chi ancora non ha realizzato il sito web della propria attività, il team di ESJ, ti aspetta con tante proposte creative e originali.

Entra in contatto con noi.

Buone vacanze!

Momò o mai più

L’entusiasmo e la determinazione di due giovani crotonesi, ideatori del nuovo concept  Momò Pizzeria – Trattoria a Crotone, il luogo ideale dove gustare la vera pizza napoletana, è entrata in contatto con la creatività e la professionalità di ESJ Factory, affidandoci lo sviluppo del sito web e la progettazione e realizzazione grafica dell’immagine coordinata.

Il lancio del sito web, avvenuto pochi giorni fa, ha riscosso successo e tanta curiosità; intuitivo, dinamico, simpatico e facile da navigare. Abbiamo utilizzato grafiche interattive che invogliano l’utente a” giocare con le pizze” e a scappare in pizzeria per ordinarne una.

Ricco di informazioni, dal menù delle pizze, alle pizze sfiziose e tanto altro. Inoltre, per consentire un ampio accesso dalla rete il sito web è stato realizzato anche in lingua  inglese.

Per rafforzare la sua l’immagine aziendale Momò ha pensato di dare un nuovo look a uno dei tanti strumenti comunicativi i “Business card”: un biglietto da visita dalla forma non convenzionale, piccolo da portare dietro ma abbastanza capiente per contenere tutte le informazioni utili per entrare in contatto con l’azienda.

 

biglietti- da- visita- momò- pizzeria-trattoria

Il design minimal mette in risalto il colore presente in tutto il concept del brand Momò.

Web site: www.momopizza.it

Fai anche tu come Momò affidati a noi per rafforzare e curare la tua immagine aziendale. Tante soluzioni per ogni tua esigenza in un unico luogo: ESJ Factory.

Seo Off-site: Costruire la Link building per il tuo nuovo sito web

Se hai messo online il tuo nuovo sito, ti starai chiedendo: Cosa devo fare per dargli visibilità e posizionarlo nella SERP?

Se hai sistemato la meccanica del sito,  secondo le attività di SEO on-site, ovvero attraverso l’ottimizzazione del codice HTML, l’ottimizzazione dei contenuti e l’ottimizzazione delle immagini, lo step successivo è la SEO off-site: attività di link building; costruzione dell’authority e della reputazione online.

Cos’è?

Per SEO off-site intendiamo una serie di attività volte allo sviluppo della link popularity che ci consentono di “seminare” il  web con i link alle pagine del nostro sito. Questi link vengono definiti  “backlinks o link di ritorno” e sono tutti i link inseriti nelle :

  • Directory;
  • Article marketing;
  • Comunicati stampa;
  • Social network;
  • Corporate blog.

 

Cosa fare?

Pianificare un efficace” link building strategy” ci aiuterà a portare i link al nostro sito.

La link popularity è una misura dell’affidabilità dei contenuti del sito che si basa sulla qualità e quantità dei link che puntano alla nostra pagina.

Una adeguata strategia di link popularity consente ai motori di ricerca di valutare l’autorevolezza e la credibilità della nostra fonte/pagina permettendoci di raggiungere le prime posizioni della SERP.

Quindi dobbiamo occuparci del content curationcostruzione del brand applicando un approccio strategico  orientato ad obiettivi specifici.

Non ci dimentichiamo dei motori di ricerca! Loro considerano due importanti elementi:

  • la pertinenza della tematica trattata dal sito di provenienza del link rispetto a quella del sito di destinazione;
  • L’anchor text del link (il testo che compone il link), che deve essere pertinente alla destinazione.

 

Quali sono gli elementi che determinano il valore di un link?

Il valore di un link può essere determinato secondo  3 elementi:

Fonte

  • Attendibilità generale;
  • Attendibilità nel contesto dell’argomento.

Link

  • Posizionamento;
  • Ottimizzazione della pagina che lo ospita;
  • Ottimizzazione del link.

Pagina

  • Relazione con l’argomento del link;
  • Relazione con l’argomento della fonte

 

Quale pagina del sito linkare?

In base all’obiettivo andremo a linkare una pagina piuttosto che un’altra:

  • Home page se l’obiettivo è far beneficiare il sito dell’attività di link building;
  • Una pagina interna specifica per migliorare il posizionamento .

 

Come fare per ottenere link in entrata?

 

Diverse sono le tecniche utilizzate per ottenere i link:  scrivere un articolo, un comunicato stampa o creare un video, che generano benefici nel lungo periodo oltre che a portare link naturali, i più “amati” da Google  o tecniche più immediate che portano velocemente link e page authority al nostro sito web.

Ricorda sempre che il “Content is King” quindi il primo investimento da fare è nella  produzione di contenuti di qualità, in grado di generare valore aggiunto e  in grado di dare risposte  ai bisogni dell’utente.

Senza entrare nel dettaglio, ecco alcune tecniche per fare link buiding:

  • Inviare i link ad altri siti ed autori;
  • Rilasciare testimonianze sui prodotti o servizi acquistati;
  • Ottenere dei “link earning” ovvero “link naturali“( i più gettonati nel 2017);
  • Realizzare Applicazioni e Strumenti per i Webmaster;
  • Creazione dei profili social network (Facebook; Instagram; Twitter; Linkedin; ecc.);
  • Condivisione sui Social network.

 

Adesso prova a pianificare una strategia di link building e per iniziare utilizza una delle tecniche elencate per generare i link di ritorno.

Il Blog della Creatività vi augura buon link building a tutti, e se ritenete le informazioni utili, grazie per uno share.

 

I vantaggi della digitalizzazione per la tua impresa

Perché creare un sito web per il tuo business.

La digitalizzazione è il processo che comunemente, oggi, si riferisce al passaggio dall’analogico al digitale e che consente di passare da organizzazioni chiuse a imprese aperte agli ecosistemi in cui si opera.

Digitalizzare la tua attività aziendale significa riprogettare e gestire in modo integrato i processi interni ed esterni liberando la tua creatività e creando vantaggi competitivi per il : business; clienti; fornitori e competitor.

Se la tua azienda non raggiunge gli obiettivi che hai prefissato o se vuoi raggiungere nuovi clienti e far conoscere la tua azienda, la prima cosa da fare è:  Creare il sito web per il tuo business!

Professionalità, eccellenza, affidabilità e innovazione sono i valori che ogni azienda deve comunicare, al proprio target di riferimento, attraverso un sito moderno e professionale.

 

Quali sono i vantaggi ad avere un sito web?

  • Visibilità immediata sul  web.

Essere sul web è importante. Se il nostro obiettivo è ampliare il raggio d’azione e farci trovare, a qualsiasi ora e latitudine, la presenza del sito web può portare solo effetti positivi. Inoltre utilizzando una grafica impattante, con foto, video e animazioni puoi realizzare una” user experience “ad alto coinvolgimento.

Un’azienda senza sito verrà etichettata come non aggiornata e vecchia.

  • Comunicare i valori della tua azienda.

Il sito web è il mezzo di comunicazione per eccellenza che ti consente di interagire in modo immediato con i tuoi interlocutori “clienti” e comunicare affidabilità e professionalità.

 

  • Incrementare le vendite di prodotti e servizi.

Attraverso la creazione di un sito webe-commerce“, puoi aumentare i volumi di vendita dei tuoi prodotti e servizi, su mercati nazionali e internazionali. Sfrutta le caratteristiche di internet: vendite H24; quantità illimitata e sicurezza dei metodi di pagamento.

 

  • Raggiungere nuove nicchie di mercato.

La presenza sul web ti consente di ampliare il tuo business, di raggiungere nicchie di mercato, di instaurare nuove partnership e di rafforzare la tua “Brand Identity“.

 

  • Aggiornamenti in tempo reale.

In ogni momento e in ogni luogo hai la possibilità di aggiornare il sito web, da qualsiasi computer, attraverso un pannello di controllo che ti consente di modificare e aggiornare i contenuti direttamente dal front-end.

 

Per restare al passo con i tempi e soddisfare al meglio le aspettative dei tuoi clienti  realizza il sito web per la tua azienda e con pochi click sarai raggiungibile  da milioni di persone sia a livello nazionale che internazionale.

 

 

Come creare un blog per entrare nella blogosfera

I primi passi per creare e avviare un blog e raccontare la tua passione.

Dubbi? Tendenze? Tecnologia?

Sono le domande più frequenti  che ci poniamo nella quotidianità, sul tram, nella pausa caffè o dal parrucchiere. Le risposte arrivano, veloci e dettagliate,  dalla blogosfera che pullula di weblog aggiornati e visitati.

Se hai deciso di entrare a far parte della blogosfera e parlare della tua passione ma non sai come fare…ecco i primi passi da seguire.

Ma partiamo dal principio.

  • Cos’è il blog ?

Il Blog è uno strumento di comunicazione che si pone a metà tra la capacità di contenere ampi contenuti di un sito web e la capacità di sintesi dei social network, Facebook o Twitter.

E’ veloce e facile da realizzare e da mantenere aggiornato. Il blog è gestito da uno o più blogger che pubblicano , periodicamente, contenuti multimediali – “post“-  in forma anti-cronologica (dal più recente al meno recente), creando un luogo di incontro e di scambio di opinioni e idee.

  •  Dove nasce?

Il” Blog” è un fenomeno che ha preso piede in America,  nel 1997, grazie ad un commerciante, Jorn Barger, appassionato di caccia, che decise di aprire una pagina personale RobotWisdom per condividere i risultati delle sue ricerche sul web riguardo al suo hobby, coniando la parola “weblog” abbreviato” blog”.

Nel 2001 arriva in Italia e nascono i primi servizi gratuiti dedicati alla gestione dei siti.

Inizia una nuova fase dove i blog vengono identificati come i “rivoluzionari” dal punto di vista della comunicazione e dei rapporti sociali.

Ma torniamo a noi.

Per dimostrare al mondo chi siamo, di cosa ci occupiamo, quali sono le nostre competenze o la profondità del nostro pensiero attraverso il blog, ecco cosa  fare:

 

1- Scegliere la piattaforma

E’ il primo passo da fare. Esistono piattaforme Open Source o Proprietarie. Il tuo blog può essere ospitato su piattaforme come WordPress, Tumblr, Blogger, Typepad o su servizi in hosting.

La scelta di piattaforme gratuite che ospiteranno il tuo blog , assegneranno un URL come www.sito.worpress.com, che potrai personalizzare con l’acquisto del dominio.

 

2- Scegliere il tipo di Blog

Nell’attuale blogosfera ne esistono diversi tipi differenti per contenuto e impostazioni di funzionamento e di lettura.

Le tipologie più diffuse sono:

  • Blog personale;
  • Corporate Blog;
  • Video e Audio blog;
  • Altri tipi ( blog politico; blog directory, ecc.).

 

3- Preparare il Blog

I passi principali per la configurazione generale sono:

  • Individuare un nome, breve e parlante, per il blog e per il dominio;
  • Scegliere il template, layout e i temi grafici;
  • Definire e classificare le categorie dei post e la struttura del ;
  • Installare i plugin e i tools di analisi e monitoraggio del blog.

 

4- Inserire gli elementi essenziali

Le pagine che non devono assolutamente mancare:

  • About me;
  • Contatti;
  • Archivio, mappe del sito/blog;
  • Policy privacy e termini di servizio, FAQ.
  • Pulsanti” Social”;

 

5- Scegliere, pianificare e gestire i contenuti

Completata la parte di SETUP del Blog, devi concentrarti sulla scrittura e le tecniche di pubblicazione. Per un blog di successo è fondamentale:

  • Scrivere contenuti unici, semplici, diretti e utili;
  • Leggere nuove notizie sull’aggregatore di FeedRss;
  • Leggere e ricercare informazioni in rete, simili o dello stesso settore;
  • Scegliere la tipologia di post ( recensioni, interviste, informativo, motivazionali, case study);
  • Utilizzare immagini e video che attirano l’attenzione;

 

Obiettivo finale?

Spingere il lettore a leggere il tuo articolo e soddisfare il suo bisogno di informazione.

  • 1
  • 2